Le 15 cose da vedere a Marrakech

Marrakesh è un luogo che riassume tutto il fascino esotico nordafricano del Marocco. Il nome stesso della città ha fornito la radice del nome del paese stesso, sottolineandone l’importanza nel corso dei secoli.

All’interno del trambusto della medina troverai i principali punti di interesse della città in una vertiginosa fusione di antico e nuovo. Il solo fatto di immergersi nell’atmosfera qui è in cima alla lista di cosa fare a Marrakech, con incantatori di serpenti e simpatici venditori di negozi che competono entrambi per la tua attenzione in un trambusto rumoroso e colorato che incarna l’anima vibrante del Marocco.

Per gli amanti dello shopping, questa città è famosa come centro frenetico per la caccia all’affare. Per i turisti amanti della storia, i numerosi musei e monumenti sono alcune delle attrazioni turistiche imperdibili del paese. E per coloro che vogliono semplicemente immergersi nella cultura locale, la medina offre la vita marocchina in tutta la sua frenetica gloria.

Marrakesh è anche la porta d’accesso alla regione dell’Alto Atlante del Marocco, dove puoi assaporare la bellezza paesaggistica delle montagne dopo le tue avventure nella metropoli di Marrakesh.

Prima di iniziare con la lista delle migliori cose da vedere a Marrakech, eccoti un video su questa splendida città e poi qualche informazione per prepararti al viaggio:

Prepara il tuo viaggio a Marrakech

Dove si trova Marrakech?

Marrakech ha una posizione invidiabile con i paesaggi contrastanti delle montagne innevate dell’Atlante e del deserto del Sahara a portata di mano. È la capitale della regione centro-sud-occidentale, Marrakech-Safi.

Marrakech si trova 250 km a sud di Casablanca, 300 km a sud-ovest della capitale marocchina Rabat, quasi 600 km a sud-ovest di Tangeri e 550 km a sud-ovest della famosa città blu di Chefchaouen.

Grazie alla sua vicinanza ad alcuni tra i luoghi turistici più famosi del Marocco, Marrakech è uno dei luoghi più popolari dell’Africa nord-occidentale.

Prima dell’arrivo

Marrakech è, in generale, una città molto più liberale di molte del Medio Oriente, ma considera che è ancora una città islamica dominata dagli uomini: come in ogni altra parte del mondo, è importante rispettare la cultura locale. Vestirsi in modo conservativo e rispettoso è un must, soprattutto per le donne.

A differenza di altre città in Marocco, l’inglese di base è più parlato e scoprirai che molti negozianti e uomini d’affari sono multilingue.

Gli italiani possono entrare in Marocco senza visto e rimanere nel paese per 90 giorni.

Una cosa a cui fare attenzione a Marrakech: scattare foto di artisti di strada ha un prezzo. Sarai avvicinato e infastidito se non paghi loro alcuni dirham.

All’arrivo

Andare a Marrakech è piuttosto facile, con voli diretti dalla maggior parte delle città italiane ed europee (compresi voli giornalieri di molte compagnie aeree low cost).

In aereo: l’aeroporto principale, l’aeroporto di Marrakech Menara, dista solo 5 km dalla città. C’è un autobus per l’aeroporto (n. 19) ogni 30 minuti (costo = 30 MAD solo andata, 50 MAD andata e ritorno). In alternativa, prendi un Petit taxi (piccole auto che viaggiano all’interno della città, al contrario dei Grand Taxi, che effettuano il trasporto tra le città) e questo impiegherà circa 15-20 minuti. Assicurati di insistere fermamente per conoscere in anticipo la tariffa del taxi. I tassisti possono essere piuttosto invadenti e probabilmente citeranno 100 MAD o più, anche se la tariffa non dovrebbe essere superiore ai 60 MAD.

In treno: Marrakech è accessibile anche in treno dalla maggior parte delle città marocchine. Vedere www.oncf.ma per gli orari della rete. I treni tra Casablanca e Marrakech impiegano 3 ore, mentre il treno tra Fes e Marrakech è un viaggio di 7 ore e mezza.

Come muoversi

Nella città vecchia, tutto può essere visto a piedi. Marrakech è una città molto facile da girare senza un mezzo di traporto!

Calèches (carrozze trainate da cavalli) si trovano proprio vicino alla piazza principale di Marrakech Jemaa el-Fnaa e sono un modo semplice per spostarsi un po’ più lontano: le tariffe sono indicate all’interno delle carrozze. Ci sono anche autobus locali che viaggiano tra la medina (città vecchia) e ville nouvelle (città nuova). Anche i piccoli taxi sono ovunque, ma ancora una volta assicurati di confermare il prezzo o di insistere affinché l’autista utilizzi il loro tassametro (compteur in francese) per il viaggio. Nessun viaggio dovrebbe costare più di 20 MAD durante il giorno o 30 MAD dopo il tramonto.

Un’ultima opzione è pagare per una guida locale privata per la giornata se stai davvero cercando di saperne di più su questa affascinante città!

cosa fare a marrakech medina

Come cavarsela

Sebbene l’inglese di base sia più compreso a Marrakech rispetto ad altre città marocchine, imparare alcune frasi di base sarà sempre utile per la tua visita.

Il minimo indispensabile per essere gentile in Marocco:

Ciao, buongiorno: As-salam alaykom

Mi scusi, mi dispiace: Ismahli

Grazie: Shukran

Arrivederci: Ma`a as-salāma

Cose da vedere a Marrakech assolutamente

Eccomi quindi alla domanda più importante quando si organizza un viaggio a Marrakech: cosa vedere?

A Marrakech puoi trovare cultura, architettura, arti moderne, religione, buon cibo e chi più ne ha più ne metta.

andare a marrakech souk

I souk della Medina

Per molti visitatori, il labirintico quartiere della medina (città vecchia) di Marrakesh è l’attrazione principale della città. Gli stretti vicoli sono un caleidoscopio di colori, profumi e suoni e sono destinati a essere il momento clou del tuo viaggio.

Oltre a vagare (e perderti) nel labirinto frenetico, ci sono una miriade di opportunità di shopping, dove puoi indossare il tuo cappello da mercante e negoziare a tuo piacimento. Gli amanti dello shopping non dovrebbero perdere il Babouche (scarpe) Souk, Chouari (falegname) Souk, El-Attarine (profumo e spezie) Souk e Cherratine (cuoio) Souk.

Appena a est dell’area principale del souk, alla fine di Rue Bab Debbagh, troverai le concerie dove le pelli degli animali sono ancora tinte alla vecchia maniera, uno degli articoli più tipici di Marrakech.

Cosa comprare a Marrakech?

  • Gioielli berberi in argento
  • Piatti in ceramica
  • Le babbuche o babbucce
  • Borse in cuoio locale
  • Tappeti fatti con lana berbera
  • Spezie
  • Olio di Argan
  • Articoli in legno
cosa comprare a marrakech babbouche

Piazza Jemaa El-Fna

La tua prima tappa dovrebbe essere a Jemaa el-Fnaa, l’antica piazza e il cuore pulsante di Marrakech. È un punto di ritrovo per gente del posto, visitatori, artisti di strada, artisti dell’henné, indovini, incantatori di serpenti, venditori di cibo, carretti di succo d’arancia … un misto di caos felice e affascinante!

Quando il sole tramonta, la piazza prende davvero vita. Il fumo delle bancarelle di cibo si innalza a spirale nel cielo crepuscolare, gli incantatori di serpenti suonano la loro musica inquietante e lo spazio aperto si inonda di spettatori.

Per ammirare la magia dall’alto, visita una terrazza sul tetto per guardare la piazza con un tè alla menta in mano: il Café du Grand Balcon offre una splendida vista.

Fai attenzione ai tuoi effetti personali nel caos di Piazza Jemaa El-Fna: i borseggiatori sono all’ordine del giorno, ma non lasciare che questo ti impedisca di goderti la visita.

cose da vedere a marrakech jemaa el fna

Moschea della Kutubiyya

La Moschea della Kutubiyya (o Koutoubia) è il punto di riferimento più famoso di Marrakesh con il suo suggestivo minareto alto 70 metri visibile per miglia in ogni direzione.

La leggenda locale di Marrakesh racconta che quando fu costruito per la prima volta, il muezzin, colui che chiama i fedeli a pregare, per questa moschea doveva essere cieco, poiché il minareto era così alto da essere un buon punto d’osservazione sull’harem del sovrano.

La moschea fu costruita nel 1162 ed è uno dei grandi successi dell’architettura almohade. I non musulmani non sono ammessi, come in molte altre parti del Marocco.

marrakech cosa vedere in 2 giorni moschea

Madrasa Ben Youssef

Costruita nel 1565 dai Saadiani, la madrasa, scuola islamica, di Ben Youssef è la più grande università teologica del Marocco.

I muri delle stanze (con dormitori studenteschi che un tempo ospitavano 900 alunni) sono raggruppati intorno a piccoli cortili interni in tipico stile architettonico islamico, ma il cortile interno principale è la vera perla della madrasa. Le raffinate piastrelle in zellige, i soffitti in stalattite, i dettagli in legno di cedro e le iscrizioni in stile cufico utilizzate come decorazione all’interno del cortile rendono questa madrasa uno degli edifici più belli del Marocco e una delle cose da vedere a Marrakech.

marrakech cosa vedere in due giorni madrasa ben youssef

Tombe Saadiane (Saadian Tombs)

Questo cimitero del XVI secolo ospita 66 membri della dinastia Saadiana, che governò Marrakesh tra il 1524 e il 1668. Le tombe includono quella del sovrano Al-Mansour, dei suoi successori e dei loro familiari più stretti.

È un luogo ricco di atmosfera, con i mausolei immersi in un giardino piuttosto incolto.

In particolare, il mausoleo principale (dove è sepolto Moulay Yazid) ha un bel mihrab (nicchia di preghiera) che è sopravvissuto ai secoli.

Le tombe saadiane furono murate dai loro successori alawiti e furono riscoperte solo all’inizio del XX secolo.

marrakech cosa vedere in 4 giorni saadian tombs

Bahia Palace

Questo magnifico palazzo fu costruito alla fine del XIX secolo come residenza del Gran Visir Bou Ahmed, che servì il sultano Moulay al-Hassan I.

La decorazione interna è un abbagliante spettacolo di piastrelle zellige, soffitti dipinti e ornamenti in ferro battuto, che mostrano le vite opulente dei favoriti del sultano in quel momento.

L’enorme cortile in marmo e gli sfarzosi saloni della zona dell’harem sono le due principali attrazioni, mentre il lussureggiante cortile interno del grande riad, con le sue piante di foglie di banano e gli alberi di agrumi, è una tranquilla tregua dal caos della città.

bahia palace marrakech cosa vedere

Museo d’arte marocchina Dar Si Said

Questo delizioso palazzo antico costruito dal visir Si Said ospita una meravigliosa collezione di gioielli berberi in argento finemente lavorato, lampade a olio di Taroudant, manufatti in ceramica, pelle ricamata e marmo. C’è anche un’esposizione di tappeti e una straordinaria collezione di porte e finestre tradizionali marocchine, che mettono in risalto gli stili architettonici locali.

Se sei interessato all’evoluzione dell’arte e dell’artigianato nordafricano, è un bel posto in cui passare un paio d’ore.

Vicino al Dar Si Said, la Maison Tiskiwin ha una collezione piuttosto meravigliosa di costumi, gioielli, armi, strumenti musicali, tessuti e mobili (incentrati sulla cultura sahariana) messi insieme dallo storico dell’arte olandese Bert Flint. Un altro ramo del museo è ad Agadir.

Museo di Marrakech

Il Museo di Marrakech ha una collezione eclettica che va dall’arte contemporanea alle iscrizioni coraniche, con ceramiche locali, tessuti e monete.

Per la maggior parte dei visitatori del Museo di Marrakech, la cosa da vedere più interessante è l’edificio in cui è ospitato il museo. Il Dar Me’nebhi è stato costruito all’inizio del XX secolo e un tempo era la residenza di un ministro del governo marocchino. L’architettura è una miscela armoniosa di forme locali nordafricane con elementi portoghesi e presenta un’area del cortile centrale estremamente impressionante completa di un sontuoso lampadario.

Qubba almoravide

Conosciuto anche come Koubba Ba’adiyn, l Qubba (o Koubba) lmoravide è il monumento più antico di Marrakech, costruito nel XII secolo durante il regno di Ali Ben Youssuf.

Sebbene il suo uso originale sia sconosciuto, alcuni esperti hanno suggerito che potrebbe essere stata la casa per le abluzioni di una moschea che un tempo si trovava accanto.

Il suo design esterno semplice (un edificio quadrato e tozzo sormontato da una cupola) non rende giustizia a un interno molto interessante, con un soffitto a cupola ricoperto di motivi almoravidi. La Qubba è stato uno dei pochi edifici a sopravvivere ai danni inflitti dai conquistatori almohadi, che hanno distrutto gran parte della precedente eredità architettonica almoravide.

Giardini Majorelle

Questi lussureggianti giardini tropicali pieni di cactus, palme e felci sono opera del pittore Jacques Majorelle.

Originario della città di Nancy in Francia, Majorelle è venuto a Marrakech per motivi di salute ed è diventato famoso per i suoi dipinti della vita locale marocchina. La sua opera più famosa, tuttavia, è questo giardino e il suo studio blu (il colore ora noto come blu Majorelle) in cui viveva nel parco.

Dopo la morte di Majorelle nel 1962, lo stilista francese Yves Saint Laurent acquistò la proprietà e alla sua morte nel 2008, le sue ceneri furono sparse nei giardini. Il vecchio studio di pittura di Majorelle è ora sede di un favoloso museo dedicato all’arte berbera.

marrakech cosa vedere in 5 giorni giardini majorelle

Palazzo Badi

Le rovine dell’antico palazzo di Al-Mansour sono uno dei luoghi più suggestivi dell’area della kasbah.

Il sovrano saadiano costruì l’opulento palazzo, con padiglioni immersi in un gigantesco giardino di piscine riflettenti, durante il suo regno trionfante, ma fu saccheggiato e distrutto subito dopo.

Ora i rari resti di pavimenti piastrellati a mosaico, padiglioni in rovina e le alte mura di cinta sono tutto ciò che rimane. Ci sono eccellenti viste sulla medina dalla cima delle mura, dove anche le cicogne hanno costruito i loro nidi.

Dopo aver visto il palazzo, dirigiti al Mellah, il vecchio quartiere ebraico di Marrakech. È stato fondato nel XVI secolo ed è ora popolato principalmente da musulmani. La piccola sinagoga è stata ben restaurata e può essere visitata, così come il vasto cimitero ebraico.

el badi palace marrakech cosa vedere in una settimana

Giardini Menara

Questo enorme giardino, una volta un rifugio reale, è un’oasi di serenità nascosta proprio nel cuore di Marrakech. È uno dei posti preferiti dalla gente del posto che vuole fuggire dal caos e godersi un po’ di pace e tranquillità.

La maggior parte dell’area è occupata da uliveti, ma per i visitatori l’attrazione principale e il motivo per venire qui è la grande piscina riflettente con il suo bel padiglione. Costruiti alla fine del XIX secolo, la piscina e il padiglione sono un luogo scelto da molte famiglie di Marrakech per fare picnic e passeggiare.

La piscina con la catena montuosa dell’Atlante riflessa nelle sue acque è una delle migliori opportunità per una foto in tutta Marrakech.

Le concerie di Marrakech

Il distretto delle concerie di Marrakesh è più piccolo di quello di Fes ma altrettanto suggestivo. È qui che la pelle, utilizzata per le scarpe colorate, le borse e altri prodotti che troverai nei souk, si tinge in una miriade di sfumature.

Vieni qui la mattina se vuoi vedere i conciatori al lavoro. Per i fotografi, ci sono splendide viste sull’intera area da alcuni dei laboratori di pelletteria, anche se dovrai pagare una mancia per entrare.

Occhio alle truffe del free tour delle concerie!

Nella medina di Marrakech incontrerai molti uomini affascinanti e gentili che ti diranno di non andare per quella via, dal momento che non c’è niente o è un vicolo cieco.

Ti indirizzerà quindi verso un altro con la promessa di qualcosa di più interessante.

Presto apparirà un altro giovane, anche lui sembra conoscere la strada per qualcosa di più interessante. In poco tempo ti ritroverai nel fetore puzzolente della conceria locale negli ultimi isolati della medina. È a questo punto che inizieranno le richieste di denaro.

La “truffa della conceria” è una truffa comune e ben orchestrata a Marrakech. Prende forme diverse ma capita a decine di turisti ogni giorno. Qualunque sia il mezzo con cui ti portano alla conceria, una volta lì sarai trasferito a una guida della conceria che ti offrirà un tour.

Se fai il tour “gratuito”, verrai trasferito in un negozio di pelletteria dove ti cercheranno in tutti i modi di spingerti all’acquisto. Se rifiuti, potresti essere molestato in modo aggressivo per pagare i soldi per la guida, il tour e il tempo del proprietario del negozio.

La truffa della conceria è solo una delle tante truffe a Marrakech e una delle cose da evitare a tutti i costi. La maggior parte approfitta del disorientamento del visitatore nella frenetica città o della confusione dei souk.

SPOILER: è successo anche a me!

Les Jardins Secrets

I giardini segreti si trovano all’interno della medina e un muro separa la loro incredibile tranquillità al vibrante caos del souk.

Ti consiglio di visitarli per concederti un’ora di relax dalla città vecchia: troverai un giardino botanico molto ben curato con specie da tutto il mondo, mentre l’altro grande cortile è un giardino tipico del Marocco ricostruito secondo i dettami di secoli fa.

Trova una panchina e goditi la frescura portata dall’acqua che scorre in piccoli canali, capolavoro di ingegneria antica!

giardini segreti marrakech cosa vedere in 3 giorni

Gueliz, la nuova Marrakech

Cosa vedere se sei stanco della Medina?

La città nuova, il quartiere di Guiliez!

In netto contrasto con il centro storico, vanta ristoranti puliti e moderni, catene di fast food e negozi di grandi marche.

Un’eredità del protettorato francese del Marocco, le aree al di fuori delle mura della città originale hanno un’atmosfera distintamente parigina, con ampi viali, splendidi giardini e una fiorente cultura dei caffè.

E proprio come Parigi, Gueliz non è priva di hotel di lusso e boutique di marchi di alta moda.

Cosa mangiare e bere

Nell’etica di mangiare prima il dessert, consiglio vivamente di visitare la Patisserie des Princes appena fuori dalla piazza principale Jemaa el-Fnaa: questa è la mia scelta come migliore pasticceria in Marocco. I dolci vengono acquistati a peso. Prova i biscotti alle mandorle (Ghriba) e i Briouats (pasticcini ripieni di pasta di mandorle)

La cucina marocchina proviene da un mix di cucina mediterranea, araba e berbera. Le spezie sono onnipresenti, così come la menta, le olive, le mandorle, i datteri, gli oli di oliva e di Argan e il cuscus. Non lasciare il Marocco senza aver provato un eccellente tagine, il piatto marocchino base, uno stufato cotto a fuoco lento a base di verdure e carne o pesce.

Il tè alla menta, molto zuccherato, è una tradizione senza pari e una forte icona culturale. Inoltre, non perderti un succo d’arancia, appena spremuto davanti ai tuoi occhi!

cafe riad marrakech consigli

Dove dormire a Marrakech?

Marrakech è una città che vale la pena scoprire, quindi vorrai restarci almeno una notte o due (più sotto qualche consiglio extra sulla durata del tuo viaggio).

Quindi, dove alloggiare a Marrakech?

La città è ricca di architettura tradizionale. Una delle migliori esperienze che puoi avere in Marocco è soggiornare in un riad, tipiche case marocchine ricche con cortili interni e fontane, progettate con piastrelle in zellige.

Marrakech offre anche un’ampia scelta di ostelli per i viaggiatori con un budget ridotto che vogliono risparmiare denaro per esplorare durante il giorno e scambiare storie con altri viaggiatori con lo zaino in spalla nella cucina condivisa o al bar la sera.

giardini riad marrakech dove dormire

Che cos’è un riad e perché dovresti soggiornare in un Riad

Un riad è una casa tradizionale marocchina, generalmente con due o più piani attorno a un cortile centrale o giardino contenente una fontana. I riad sono tutti rivolti verso l’interno, per consentire la privacy e la protezione dalle intemperie.

Storicamente, i riad erano le dimore cittadine dei ricchi come mercanti e cortigiani. Oggi, tuttavia, poiché i riad tendono ad essere piuttosto grandi, molti sono stati ristrutturati per essere utilizzati come pensioni, hotel, appartamenti e ristoranti.

I riad sono disponibili per tutte le tasche, dallo stile in famiglia, alla guest house condivisa all’affitto privato con tutti i comfort di lusso.

Un riad è il posto migliore dove dormire a Marrakech per un’autentica esperienza marocchina.

La bellezza di un riad di charme a Marrakech, il loro design lo fa sembrare come se qualcuno avesse spento il volume quando entri. Un’oasi tranquilla tra la follia. A parte la chiamata alla preghiera che riecheggia per la città cinque volte al giorno, è così tranquillo che non puoi immaginare il trambusto che si svolge fuori.

Io ho soggiornato in uno tra i migliori riad a Marrakech, vicino a piazza Jemaa El-Fna: Riad Kasbah. Servizio perfetto, ottima colazione, stupenda piscina interna: un vero angolo di paradiso.

Se cerchi un riad a Marrakech, consiglio vivamente di soggiornare in questo, ne resterai assolutamente soddisfatto.

Se vuoi avere un riad in stile hotel o servito con tutti i comfort, aspettati di pagare ovunque a partire da 50€ a notte per qualcosa come Riad 117 fino a 300€ a notte per Riad Kaiss, forse il miglior riad a Marrakech come rapporto qualità/prezzo.

Eccoti una selezione di riad dove dormire a Marrakech. Ne troverai sicuramente uno adatto a te, anche se io continuo a consigliarti il Riad Kasbah!

Dopo i consigli su dove dormire a Marrakech, ecco ora i migliori tour per sfruttare al meglio il tuo viaggio:

Tour consigliati

Fare un tour organizzato è un ottimo modo per vedere tutti i punti salienti di Marrakech e delle montagne dell’Atlante e sperimentare la cultura tradizionale senza il fastidio di capire come orientarsi. Durante questi tour imparerai tutto sulla storia della zona, oltre a consigli e aneddoti da addetti ai lavori. Questi tour includono anche un comodo passaggio al tuo riad o hotel sia all’inizio che alla fine dell’escursione.

Marrakech walking tour: il Marrakech Historical Walking Tour ti consente di rilassarti e goderti le attrazioni mentre una guida locale ti accompagna in un tour attraverso i labirintici vicoli della città e i vivaci souk, oltre a punti salienti storici come il Palazzo Bahia e la Moschea Koutoubia .

Gita di un giorno per piccoli gruppi sulle montagne dell’Atlante: la gita di un giorno alle quattro valli da Marrakech con visita facoltativa al lago Takerkoust e all’altopiano di Kik è il complemento perfetto per un frenetico soggiorno in città. Questo tour di un’intera giornata ti offre una fantastica panoramica delle montagne dell’Atlante, con una visita a tre valli lussureggianti, tradizionali villaggi berberi, cascate della valle dell’Ourika, un pranzo opzionale in una casa berbera e un extra opzionale per includere il lago Takerkoust e Kik Altopiano. Questo è un tour per piccoli gruppi con un servizio più personalizzato e un massimo di sette persone.

Gita di un giorno al Parco nazionale di Toubkal: la gita di un giorno alle tre valli dell’Atlante è un tour privato di un’intera giornata nello splendido scenario all’interno e intorno al Parco nazionale di Toubkal, con un pranzo incluso e una visita a una tradizionale casa berbera. Oltre a tutto il trasporto incluso, con ritiro e riconsegna dagli hotel di Marrakech, l’itinerario del tour include una breve escursione (o giro in mulo) da Imlil al piccolo villaggio di montagna di Ait Souka, una visita a una cooperativa di olio di argan e un giro in cammello.

cosa vedere a marrakech atlante
Marrakech con i monti dell’Atlante sullo sfondo

Volo in mongolfiera: il giro in mongolfiera sulle montagne dell’Atlante offre una prospettiva diversa sul deserto e sullo scenario ai piedi della montagna dell’Atlante che circonda Marrakech. In questa avventura mattutina, farai un giro in mongolfiera per vvedere queste splendide zone dall’alto. Successivamente, scendi a terra per una deliziosa colazione berbera e un giro in cammello nella Palmeraie di Marrakech. È incluso anche un certificato di volo, così come il ritiro e la riconsegna da hotel selezionati.

Giro in cammello: il giro in cammello al tramonto è un ottimo modo per esplorare i sentieri sabbiosi della zona della Palmeraie di Marrakech, ombreggiati da palme da dattero. Il viaggio dura circa un’ora e termina in una tradizionale casa berbera con tè alla menta e snack inclusi. Il pick-up e drop-off dagli hotel di Marrakech è incluso.

Giornata a Essaouira: fai un’escursione di un giorno a Essaouira con partenza da Marrakech. Ti fermerai sulla strada ad ammirare la Valle dell’Argan e a visitare una cooperativa. A Essaouira sarai guidato attraverso la bellissima medina e il porto, per vedere una delle città più belle della costa marocchina.

essaouira marocco
Essaouira

Marrakech: consigli di viaggio

Puoi bere l’acqua a Marrakech?

No, non ti consiglio di bere l’acqua del rubinetto in Marocco, ma se è necessario, utilizza un dispositivo di filtrazione per sterilizzare l’acqua per evitare di ammalarti. L’opzione alternativa (e relativamente più semplice) è acquistare acqua in bottiglia durante il soggiorno.

Puoi bere alcolici a Marrakech?

Sebbene il Marocco non sia affatto un paese “dry” come chiamano gli inglesi i posti dove non trovi alcol, bere alcolici è proibito nella religione musulmana. Ma non disperare, troverai qualcosa da bere per il tuo aperitivo, l’alcol è disponibile, devi solo sapere dove cercare.

Il supermercato Carrefour ha una licenza per vendere alcolici, così come molti hotel, resort e ristoranti fuori dalla medina. Tuttavia, tieni presente che non è economico. Anche nella medina puoi trovare ristoranti che servono alcolici.

Cosa fare la sera a Marrakech?

Se stai cercando l’happy hour e le feste notturne, Marrakech potrebbe non essere la destinazione per te. Ma la sera c’è molto da fare, dai bar degli hotel alla moda ai caffè rilassanti.

Ovviamente la prima cosa da fare al tramonto a Marrakech è dirigersi alla piazza Jemaa El-Fna per ammirare il teatro di strada. Questo è il momento migliore per mangiare cibo di strada dai barbecue e ascoltare musica dal vivo dei musicisti locali, tutti suonando una grande varietà di strumenti e stili. È caotico e bellissimo e un ottimo posto per passare il tempo a godersi la scena. Prendi un tè alla menta e un posto in strada e goditi l’azione che si svolge di fronte a te. Molte delle bancarelle del mercato sono ancora aperte, quindi è un’opportunità per passeggiare di nuovo tra le bancarelle di notte.

Il Cafe de France nella piazza principale ha una splendida vista sulle montagne dell’Atlante dal tetto ed è ben noto per la sua famosa clientela e la storia letteraria: il cibo è turistico ma è un ottimo posto. Il Cafe des Epices è un altro ottimo posto per godersi la vita notturna di strada e bere un drink sulla terrazza. Sono entrambi un po’ turistici ma hanno buone posizioni.

cosa fare la sera a marrakech jemaa el fna

Carte di credito, bancomat o cambio valuta?

I contanti sono il metodo preferito per i pagamenti in Marocco e mentre la maggior parte degli hotel, riad e tour operator più grandi accettano pagamenti con carta di credito, molti ristoranti, negozi, taxi, ecc. non lo faranno ed è meglio avere il cambio corretto o piccoli tagli quando possibile. I bancomat sono disponibili all’aeroporto e nella medina, tuttavia se desideri cambiare denaro, ti consiglio di farlo all’arrivo in aeroporto per assicurarti di avere subito a portata di mano la valuta locale.

Marrakech è pericolosa per i turisti?

Marrakech è generalmente sicura per i turisti, a patto di prendere le dovute precauzioni. La criminalità grave a Marrakech non è elevata, tuttavia vi è abbondanza di microcriminalità: borseggi e truffe possono capitare nella medina.

È importante che tu tenga i tuoi soldi, i tuoi effetti personali e il tuo bagaglio chiusi e al sicuro.

Quanto tempo trascorrere a Marrakech

Marrakech stessa è relativamente piccola ma ha ancora molto da offrire. Idealmente, dovresti pianificare da tre a quattro giorni a Marrakech per ammirare tutti i luoghi (e gli odori) senza fretta.

Questo articolo poteva benissimo chiamarsi “cosa vedere a Marrakech in 2 giorni” o “cosa vedere a Marrakech in 3 giorni”: infatti ti basterà prendere tutto con calma per passare più tempo in città.

Marrakech: cosa vedere nei dintorni?

Per continuare il paragrafo precedente, Marrakech è anche un’ottima base per accedere ad alcuni dei migliori siti e attività del Marocco, come le montagne dell’Atlante, il deserto o la mia città preferita, Essaouira.

Conta da sei a sette notti a Marrakech se desideri approfittare di alcune delle fantastiche gite di un giorno nella zona.

medina marrakech cosa vedere

Storia di Marrakech

Gli Almoravidi fecero di Marrakech la capitale di un impero che copriva la maggior parte del Maghreb e si estendeva anche in Europa. Con la conquista almoravide della Spagna meridionale, Marrakech fu investita della cultura cosmopolita dell’Andalusia e divenne un baluardo della civiltà islamica e un centro intellettuale dove convergevano i più famosi studiosi e filosofi dell’epoca. Furono costruiti sontuosi edifici e progettati splendidi giardini. Gli antichi bastioni e le porte della città sono monumenti alla sua preminenza medievale

Gli eserciti di Almohade presero d’assalto le porte di Marrakech il 23 marzo 1147, conquistando la capitale almoravide. Gli Almohades sotto Abdal Mou’min continuarono la loro conquista del Nord Africa, estendendo il loro impero attraverso l’Algeria e la Tunisia e spostandosi attraverso il Mediterraneo per catturare Siviglia, Cordoba e Granada. Sotto Abdal Mou’min, Marrakech divenne una capitale islamica ancora più grande e importante.

Marrakech entrò in un periodo di declino sotto i Merenidi, che conquistarono la città nel 1269. La capitale merenide era Fes, e Marrakech cadde in abbandono per due secoli e mezzo. Le fortune di Marrakech rivissero sotto la dinastia saadiana. I Saadiani erano tribù della regione di Souss, che conquistarono l’intero sud del Marocco in una guerra contro i colonizzatori portoghesi ad Agadir.

Quando i Saadiani ottennero il controllo dell’intero Marocco, il loro leader, Mohammed Al Mahdi, fece di Marrakech la sua capitale nel 1551 e iniziò a restaurare la città. Sebbene il nuovo quartiere cittadino di Marrakech sia stato costruito nel 1913 durante l’occupazione francese e rifletta questa influenza europea, la maggior parte della città (come Fes) è una città autenticamente islamica sia nella sua genesi che nelle sue tradizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su