Parco del Serengeti: safari da sogno

serengeti safari

Quando si parla di safari in Africa, ben pochi parchi possono competere con il parco del Serengeti, nel nord della Tanzania.

Molto probabilmente anche tu da piccolo hai sentito nominare questo paradiso dei safari in qualche documentario. È così importante per la quantità di specie animali presenti che è stato incluso dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità.

Il nome Serengeti ti è completamente nuovo?

Allora devi continuare a leggere questo articolo, ma fai attenzione:

Finirai per prenotare un viaggio in Tanzania alla scoperta delle sue meraviglie, come il Kilimangiaro, la montagna più alta d’Africa, o Zanzibar con le sue acque cristalline.

Serengeti: safari migliore

Se vuoi fare un safari in Tanzania, Serengeti e Ngorongoro sono i due parchi più famosi, manche i migliori.

Non ho nessun dubbio nel consigliarti Follow Alice, il mio tour operator preferito per questo genere di viaggi, per il tuo safari nel Serengeti. L’organizzazione è impeccabile, lo staff è disponibile e aperto a modificare il viaggio secondo le tue necessità.

Puoi chiedere loro un preventivo attraverso questo link e risparmiare 100$ sul tuo safari nel parco del Serengeti.

Dov’è il parco del Serengeti

Il Serengeti National Park è il piatto forte se decidi di fare un itinerario alla scoperta dei migliori safari nel nord della Tanzania. Il parco si estende fino al confine con il Kenya, dove diventa il parco di Masai Mara.

Nella zona del Serengeti, safari a parte, potrai anche per entrare in contatto con la vibrante cultura Masai nell’altopiano di Ngorongoro, oltre a visitare l’omonimo cratere pieno di animali. Nella Tanzania settentrionale ci sono anche altri parchi più piccoli, il Lago Manyara e il Tarangire. Nonostante la loro bellezza, si tratta di destinazioni meno rinomate:

Il Serengeti è la vera star della regione!

Come arrivare al parco

Serengeti, Ngorongoro e gli altri parchi della zona si trovano a poca distanza da Arusha e Mosho, sedi di due aeroporti internazionali.

In auto

La maggior parte dei visitatori che arrivano via terra entra nel Parco Nazionale del Serengeti attraverso il Naabi Hill Gate, che si trova nella parte sud-orientale del parco. Se dovessi guidare direttamente da Arusha (te lo sconsiglio), ci metterai tra le sette e le otto ore per fare i 325 km. Il Naabi Hill Gate è a circa due ore da Ngorongoro, a quattro ore dal Lake Manyara e a sei ore e mezza dal Parco Nazionale del Tarangire.

Le entrate per il Serengeti

Ci sono quattro punti di ingresso e di uscita principali:

Naabi Hill Gate (06:00 – 18:00): via d’accesso principale e più trafficata se provieni da Arusha; 45km da Seronera.
Ndabaka Gate (06:00 – 18:00): entrata principale per il corridoio occidentale; un’ora e mezza di macchina da Mwanza e 145 km da Seronera. Ultimo ingresso alle 16:00.
Klein’s Gate (06:00 – 18:00): nell’estremo nord-est, consente un viaggio ad anello che unisce Serengeti, Ngorongoro e il Lago Natron, quest’ultimo a sole due o tre ore dal parco. Ultimo ingresso alle 16:00.
Bologonya Gate: lungo la strada che vene dal Kenya, ma il confine è chiuso e difficilmente aprirà presto.

In aereo

Ci sono piccoli aeroporti in tutto il parco del Serengeti in Tanzania, consentendoti di volare a breve distanza da qualsiasi campo o lodge tu abbia prenotato. Le piste di atterraggio di Kusini e Ndutu si trovano a sud; quella di Seronera è la più centrale; Lobo, Kleins e Kogatende servono il nord; infine, le piste di atterraggio di Grumeti e Sasakwa servono il corridoio occidentale. Puoi volare da Arusha, Kilimanjaro, Tarangire, Lake Manyara o Ngorongoro, o volare all’interno del parco per cifre ragionevoli (un viaggio di andata e ritorno da Arusha a Kogatende, vicino al fiume Mara, ti costerà circa 250$) e ti permetterà di dedicare più tempo al safari.

serengeti tanzania

Serengeti: quando andare

I periodi migliori per visitare il Parco Nazionale del Serengeti sono da gennaio a febbraio o da giugno a settembre, anche se ti consiglio di pianificare il tuo viaggio per vedere al meglio la Grande Migrazione. Troverai più informazioni su questo evento indimenticabile nel proseguio dell’articolo.

Clima Serengeti

Ad esempio, l’inverno è il periodo migliore per vedere le enormi mandrie che migrano nel Serengeti meridionale, mentre il corridoio occidentale e il Serengeti settentrionale sono i posti migliori per un safari nei mesi estivi e autunnali. Un buon tour operator come Follow Alice ti farà visitare la parte di parco più adatta a vedere la migrazione.

Le temperature rimangono relativamente costanti durante tutto l’anno, con le massime che intorno ai 30°. Troverai un clima più fresco nell’area protetta di Ngorongoro grazie alla sua altitudine più elevata. Aprile e maggio sono i periodi più piovosi e molti lodge e campi chiudono per riaprire nell’alta stagione.

Gennaio e febbraio
I mesi invernali sono il periodo migliore per visitare il Serengeti meridionale e l’area protetta di Ngorongoro. Sebbene la maggior parte dei visitatori acceda al parco da sud, questa regione è ampiamente ignorata dai turisti a causa della sua mancanza di fauna selvatica durante gran parte dell’anno. Tuttavia, le brevi piogge che si verificano a novembre riportano le mandrie nei loro luoghi di riproduzione. Durante l’inverno, queste vaste praterie pullulano di gnu, zebre e, naturalmente, predatori attratti dall’abbondanza di prede.

safari tanzania serengeti

Da marzo a maggio
La primavera inaugura la stagione delle piogge nel Serengeti. Poiché la maggior parte dei visitatori è scoraggiata dalle precipitazioni, puoi approfittarne per trovare prezzi più bassi per escursioni e alloggi. Ma tieni presente che la maggior parte dei campeggi semi-permanenti e alcuni lodge chiudono le porte ai turisti durante questo periodo, quindi dovrai pianificare il tuo safari al Serengeti in anticipo.

Da giugno a settembre
Durante l’estate e l’autunno, la grande migrazione si dirige verso nord, dove le pianure si riempiono di vegetazione. All’inizio dei mesi estivi, molto probabilmente troverai le mandrie vicino al fiume Grumeti nel corridoio occidentale del parco, anche se non avrai problemi a trovare gruppi più piccoli nella Valle del Lobo. Guardare gli gnu sfidarei numerosi coccodrilli del fiume può essere un’esperienza indimenticabile!
Tra luglio e settembre, gli gnu e le zebre si mescolano con elefanti e giraffe nelle splendide sorgenti di Lobo e Bologonja nella zona settentrionale del parco.

Ottobre-dicembre
Brevi e sporadici rovesci di pioggia segnalano il ritorno della grande migrazione verso le praterie meridionali. Pianifica di trascorrere la maggior parte di questo mese nel corridoio occidentale lungo il fiume Grumeti o al Mbalageti Tented Lodge, un campeggio permanente con viste mozzafiato.

GUIDA: Quando andare in Tanzania?

Quanti giorni?

Il numero ideale di giorni che dovresti trascorrere nel Serengeti, parco con un’estensione simile a quella del Belgio, dipende da una serie di fattori. Uno dei principali sarà il tuo budget e quanti soldi intendi spendere per questo fantastico viaggio.

Con un budget elevato e la voglia di fare tutto con calma puoi trascorrere fino a quattro o cinque giorni nel parco e fare attività extra come un volo mattutino in mongolfiera o un tour alla scoperta della cultura Masai.

Tuttavia, considerando che la maggior parte dei viaggiatori dispone di un budget medio, il numero ideale di giorni da trascorrere nel Serengeti National Park in Tanzania è di tre notti. Questo ti permetterà di fare due giorni interi di safari, normalmente sufficiente per vedere la maggior parte degli animali del parco.

serengeti africa

Quanti giorni con un budget limitato?

Se hai un budget molto limitato puoi trascorrere due notti al Serengeti, con un’intera giornata di safari.

Arriverai il primo giorno, passerai il secondo interamente tra le ampie pianure del parco e ripartirai il terzo. Nota bene che i giorni di arrivo e di partenza sono già di per sé un safari, perché dovrai attraversare una buona porzione del parco prima di arrivare al tuo lodge.

Se non hai problemi di date, ti consiglio di viaggiare nel Serengeti in bassa stagione invece di ridurre il numero di giorni nel parco.

Quanti giorni durante la migrazione?

La stagione migratoria degli gnu da luglio a settembre è quella che attira più turisti nel Serengeti. Molti viaggiatori provenienti da tutto il mondo vengono ad assistere allo spettacolo incredibile in cui centinaia di migliaia di gnu e antilopi migrano a nord verso il Masai Mara in Kenya e attraversano l’omonimo fiume Mara.

Il fatto che questa sia la stagione più affollata all’interno del Serengeti significa che i prezzi saranno più alti del solito e probabilmente incontrerai molta gente.

Ti consiglio di trascorrere almeno tre o quattro notti durante questa stagione migratoria. Nel caso in cui ti perdi qualche grande spettacolo in uno qualsiasi dei giorni, ne hai qualche in più per recuperare, quindi aumentando le possibilità di vedere la migrazione degli gnu nel Serengeti.

Solo Serengeti o altri parchi?

Se stai visitando altri parchi nazionali vicino al Serengeti (come il Parco Nazionale del Tarangire o il cratere di Ngorongoro), dovresti ridurre il numero di giorni che trascorrerai nel Serengeti, dal momento che potrai vedere gli stessi animali nelle altre località.

Tuttavia se stai visitando esclusivamente il Serengeti, l’opzione migliore sarebbe quella di trascorrere il maggior numero di giorni possibile e ottimizzare la tua esperienza nel parco più famoso della Tanzania.

La grande migrazione

Serengeti = migrazione

Non c’è dubbio che il fenomeno più famoso e affascinante del parco sia la grande migrazione degli gnu che si muovo in mandrie immense alla ricerca di cibo. In particolare la drammaticità dell’attraversamento dei fiumi infestati dai coccodrilli sarà una visione che ricorderai per tutta la vita.

Eccoti un breve video che ti fa vedere la parte più spettacolare della grande migrazione:

Grande migrazione: cosa sapere

Puoi vedere la grande migrazione in Tanzania tutto l’anno: gli gnu e le antilopi migrano con un movimento circolare attorno al Parco Nazionale del Serengeti alla ricerca di pascoli freschi.

Continua a leggere per scoprire dove trovare le grandi mandrie in uno specifico periodo dell’anno.

La grande migrazione degli gnu avviene raramente nel Masai Mara, il parco del Kenya che confina con il Serengeti. Le mandrie vi si avventurano come estensione dei loro pascoli nella punta settentrionale della Tanzania solo se ne hanno bisogno per mancanza di erba fresca nelle loro zone abituali. Puoi trovare la migrazione in Kenya solo entro pochi mesi dell’anno quando si dirigono verso il confine, e anche allora, la maggior parte delle mandrie resta nelle parti settentrionali del Serengeti.

africa serengeti migrazione

Perché si verifica la grande migrazione e perché gli gnu migrano?

Gli gnu migrano intorno al Serengeti e nel Masai Mara perché seguono le piogge annuali. Il ciclo inizia tra dicembre e marzo nell’area del Serengeti meridionale di Ndutu dove partoriscono i cuccioli. Da qui sarà sempre una rincorsa verso l’erba più verde.

Anche se abbiamo una buona idea di dove dovrebbero essere gli gnu in un dato periodo dell’anno, dipende sempre da dove cade la pioggia. Gli gnu sono notoriamente inaffidabili, poiché sebbene generalmente si dirigano tutti da sud a nord del Serengeti e viceversa, spesso zigzagano lungo la strada, rendendo a volte impossibile prevedere dove saranno le grandi mandrie in un dato momento.

Quanti animali migrano ogni anno nel Serengeti?

La migrazione intrapresa dagli gnu è un evento annuale che vede un milione e mezzo di gnu accompagnati da centinaia di migliaia di zebre e numerose altre specie di antilopi alla ricerca di pascoli più verdi. Gli animali seguono un movimento in senso orario attraverso il Serengeti seguendo le piogge per l’erba più rigogliosa. I cinquecento chilometri del percorso sono pieni di pericoli con molti predatori come leoni, ghepardi e coccodrilli che attendono il passaggio delle loro prede. È uno spettacolo davvero sorprendente!

Dove e quando vedere la grande migrazione

migrazione gnu serengeti

Tra dicembre e marzo

Le enormi pianure erbose del Serengeti meridionale si estendono nell’area di conservazione di Ngorongoro. Da gennaio a marzo gli gnu si riuniscono in grandi branchi intorno al lago Ndutu nell’area protetta di Ngorongoro. Quando raggiunge la zona la mandria si divide e si allarga lasciando gruppi di gnu a perdita d’occhio.

Aprile e maggio

Questa è la stagione delle piogge in Tanzania. La migrazione degli gnu si sposta a nord nelle pianure del Serengeti meridionale con i gruppi più avanzati che arrivano fino al corridoio occidentale e il centro del parco di Seronera.

Giugno e luglio

Giugno è la stagione dell’accoppiamento per gli gnu, quindi può essere molto rumoroso se trovi gruppi molto numerosi. A giugno ci sono mandrie di gnu sparse dal corridoio occidentale attraverso il cuore del parco.

Un gruppo tende a dirigersi a ovest nel corridoio occidentale e attraversa il fiume Grumeti prima di lasciare il parco ed entrare nelle esclusive riserve di Singita Grumeti. Questa mandria si dirigerà quindi attraverso la riserva di caccia Ikorongo sul corridoio occidentale del Serengeti prima che le mandire più avanzate arrivino nell’area di Kogatende a luglio.

Gli altri branchi si dirigono direttamente a nord del Serengeti, passando dritti al centro attraverso Seronera, Lobo e fino alla zona del fiume Bologonja vicino al confine orientale con la riserva Loliondo di Kleins. È vero che in questo momento le mandrie possono essere dovunque dal corridoio occidentale fino al lato orientale del parco. Piccole mandire si divideranno dalle principali, coprendo vaste aree del Serengeti alla ricerca di erba fresca.

migrazione serengeti fiume

Da agosto a ottobre

Da agosto a ottobre le mandrie si trovano nel Serengeti settentrionale a Kogatende e nel Masai Mara in Kenya. Gli attraversamenti fluviali avvengono quasi quotidianamente qui. Con solo una piccolo numero di visitatori che scelgono di visitare il Mara, Kogatende è una destinazione eccezionale. Dato che le mandrie stanno semplicemente seguendo le piogge locali, alcune si spostano a nord, altre a sud, mentre molte si muovono in entrambe le direzioni nello stesso giorno. I gruppi si muovono quasi in modo circolare durante questi mesi, di conseguenza si tratta di uno dei periodi migliori per vedere la grande migrazione.

Novembre

Alla fine di ottobre e novembre le mandrie iniziano la loro seconda grande migrazione verso sud dove troveranno le fertili terre delle pianure di Ndutu dove le piogge avranno fatto rinascere l’erba. Questo può essere un momento difficile per catturare il mega branco, poiché copre grandi distanze ogni giorno.

All’inizio di dicembre, le mandrie stanno tornando a Ndutu per partorire e l’intero processo è pronto per ricominciare completamente da capo.

Voglio ribadire che gli animali selvatici non sono più prevedibili! La migrazione dipende interamente dalla pioggia, con le mandrie alla costante ricerca di erbe fresche. Di conseguenza, è una sfida prevedere con sicurezza dove si troveranno le mandrie durante una determinata settimana. Diventa quindi complicato avere la certezza di dove si troveranno gli gnu in un dato periodo dell’anno.

serengeti national park tanzania

Big five Serengeti

I Big Five comprendono i cinque animali più iconici dell’Africa: il leopardo, il leone, l’elefante, il rinoceronte e il bufalo.

Sebbene originariamente raggruppati per la difficoltà nel cacciarli, oggi i turisti accaniti “cacciano” questi splendidi animali con binocoli e macchine fotografiche.

Il Serengeti ospita tutti e cinque i Big Five, sebbene i rinoceronti siano uno spettacolo raro nelle pianure aperte (sono invece più comuni a Ngorongoro).

La regione Seronera del parco è dove avrai le migliori possibilità di avvistare leopardi e leoni (e ghepardi), mentre i bufali sono molto più facili da avvistare in tutto il parco.

Durante la migrazione degli gnu, troverai elefanti ovunque non ci siano le grandi mandrie migratorie, perché in genere preferiscono evitare i gruppi rumorosi di gnu e zebre.

i leoni del serengeti

Le zone del parco: paesaggio e animali

Il parco nazionale del Serengeti in Tanzania è un parco immenso. Le sue vaste pianure si estendono da un orizzonte all’altro.

Eccoti una breve descrizione delle principali zone del parco.

Serengeti meridionale

Il Serengeti meridionale è una delle zone più visitate del parco. Copre l’area di Ndutu, l’omonimo lago e le colline di Naabi, e si trova vicino alle attrazioni iconiche del cratere di Ngorongoro e della gola di Olduvai.

La parte più popolare di questa regione è Ndutu in quanto ospita la stagione del parto degli gnu. È anche importante notare che molti dei lodge nella regione di Ndutu tendono ad essere stagionali, chiudendo i battenti da aprile a ottobre di ogni anno.

Paesaggio

La regione meridionale del parco è naturalmente dotata di un terreno maestoso composto da vaste pianurecon da erbe basse e da alcuni kopjes sparsi: si tratta di antichissimi cumuli di rocce granitiche, su cui spesso riposano i leoni del Serengeti. Con questo tipo di vegetazione, i safari sono ottimi tutto l’anno.

C’è anche un piccolo lago stagionale in questa regione chiamato Lago Ndutu o Lagarja. Lo specchio d’acqua è circondato da bellissimi alberi di acacia ed è senza dubbio uno dei luoghi più panoramici della zona. Oltre ad attirare numerosi animali assetati, il lago si riempi anche di uccelli, i più caratteristici dei quali sono gli incredibili stormi di fenicotteri rosa.

Animali

Scelto spesso da registi e fotografi per la sua vivace fauna selvatica e l’incredibile topografia, il settore meridionale del Serengeti è pieno di specie come gnu, zebre, antilopi, leoni, leopardi, ghepardi, giraffe, elefanti, caracal, iene e sciacalli. Le giraffe, insieme a molte specie di uccelli, sono comunemente viste intorno al lago Ndutu.

Come accennato, questa parte del Serengeti ospita la stagione del parto della migrazione degli gnu tra gennaio e marzo. Durante questo periodo, ogni giorno nascono circa 8’000 cuccioli di gnu ed è normale aspettarsi che i predatori siano attratti dalla quantità di prede inesperte. Aspettati quindi un safari pieno d’azione.

Periodo migliore

Da gennaio a marzo, quando la zona, in particolare Ndutu, è occupata da migliaia di gnu durante la stagione del parto.

parco nazionale serengeti

Serengeti occidentale

Comunemente conosciuta come il corridoio occidentale, questa regione è composta dalle aree di Grumeti e Ikoma. La regione è nota per essere il punto di partenza degli attraversamenti del fiume della migrazione degli gnu.

Paesaggio

Il paesaggio del corridoio occidentale è collinare e boscoso, con grandi foreste di acacia e un terreno che si estende senza fine sotto un cielo infinito.

Animali

Questa regione pullula di predatori come leoni, ghepardi, leopardi e iene. I coccodrilli del Nilo possono essere visti anche lungo il fiume Grumeti, che è il primo attraversamento del fiume durante la migrazione degli gnu.

Altre specie meno comuni che puoi trovare nella zona sono le scimmie Colobus bianche e nere (che ho visto anche alle pendici del Kilimangiaro, il primo giorno sulla Lemosho route), le scimmie Patas e una buona popolazione di impala, varie specie di roditori, antilope roana, bufali ed elefanti.

Periodo migliore

Da maggio a luglio per assistere alla sensazionale migrazione e, se fortunati, vedere la traversata del fiume Grumeti.

Per i viaggiatori che cercano di risparmiare denaro o di evitare di spendere così tanto per il loro safari, aprile e maggio offrono opportunità uniche per i visitatori di sperimentare lodge di lusso a un prezzo molto scontato. Il motivo principale è che questi mesi sono considerati bassa stagione perché i più piovosi dell’anno. Ti sconsiglio decisamente di campeggiare in condizioni di bagnato e fango.

Il Serengeti centrale è il cuore del parco, dove troverai le migliori possibilità di osservare gli animali in qualsiasi periodo dell’anno.

La zona è conosciuta come Seronera. Qui puoi trovare l’omonima pista di atterraggio e il centro visitatori del parco. È anche l’area del Serengeti con il maggior numero di lodge e campi, da quelli più economici a quelli di lusso.

tanzania safari serengeti

Serengeti centrale

Inoltre, il Serengeti centrale è il sito di indimenticabili safari in mongolfiera.

Paesaggio

Caratterizzato da una vasta gamma di ecosistemi diversi che include praterie che si estendono fino all’orizzonte, foreste di acacia e aree fluviali, la zona di Seronera ha un numero impressionante di piante diverse. Offre anche la quintessenza del paesaggio africano, dando una nostalgica idea di trovarsi all’interno del “Re Leone”.

Nella regione settentrionale della valle del fiume Seronera si trova il famoso Retina Hippo Pool. Questa pozza d’acqua è abitata da un numero enorme di ippopotami. Nota però che passano la maggior parte del tempo in acqua ed escono solo la sera quando il clima è più fresco.

Sai perché?

Gli ippopotami non hanno ghiandole sudoripare e il loro corpo si riscalda molto velocemente

Animali

A parte l’incredibile popolazione di ippopotami, grandi gruppidi giraffe, antilopi, elefanti e zebre hanno preso questa zona come casa durante tutto l’anno. Anche i grandi felini come leoni, leopardi e ghepardi rimangono nell’area indipendentemente da dove si trova la migrazione degli gnu.

Periodo migliore

Giugno segna l’inizio dell’alta stagione della Seronera. Sebbene l’area sia splendida tutto l’anno, il massimo dell’azione, del dramma e dello sconcerto si può vivere tra giugno e ottobre, quando la regione brulica di gnu che migrano e predatori opportunisti.

parco nazionale del serengeti tanzania

Serengeti settentrionale

Le famose aree di Kogatende e Lobo fanno parte del Serengeti settentrionale. Anche Bologonja Gate, Sand River Gate, Sekenani Gate, Klein’s Gate, Lobo Airstrip e Kogatende Airstrip si trovano qui.

Poiché questo è il più vicino al confine con il Kenya e all’iconico fiume Mara, durante i mesi di attraversamento del corso d’acqua per la migrazione degli gnu un certo numero di campi e lodge stagionali aprono appositamente per i viaggiatori che vogliono alloggiare il più vicino possibile al punto di attraversamento.

Paesaggio

Nella regione settentrionale, ci si può aspettare un paesaggio composto da colline, foreste fluviali, pianure e affioramenti rocciosi.

Un altro elemento importante del territorio del Serengeti settentrionale è l’immenso fiume Mara che attraversa l’area.

Animali

Considerata la parte più tranquilla del parco, il Serengeti settentrionale è rinomato per i suoi ghepardi, uno dei grandi felini più ricercati dai turisti nei grandi parchi dell’Africa. Questi felini possono essere visti correre nelle pianure settentrionali, sebbene siano visibili anche in altre parti.

Durante l’attraversamento del fiume, ciò che si può vedere è lo spettacolo animale più sorprendente del mondo: oltre un milione e mezzo di gnu, centinaia di migliaia di zebre e gazzelle di Thomson, insieme a enormi mandrie di gazzelle di Grant, kudu e impala tentano di attraversare il fiume Mara in cerca di pascolo e acqua. Mentre affrontano la loro più grande impresa dell’intera migrazione, i coccodrilli del Nilo e gli ippopotami aumentano le difficoltà dell’attraversamento. Dall’altro lato attendono anche leoni, iene, leopardi, ghepardi e alcuni altri predatori.

Periodo migliore

Il periodo tra luglio e ottobre è considerato il migliore per visitare il Serengeti settentrionale. Non solo i visitatori possono avere grandi possibilità di assistere all’attraversamento del fiume, ma molti animali migratori rimangono e si soffermano in questa zona.

Novembre è un altro periodo eccellente perché gli animali migratori che hanno raggiunto con successo il Masai Mara dall’altra parte iniziano a tornare nella regione meridionale per la stagione del parto.

serengeti tour

I migliori lodge del serengeti

Quando si cerca un posto dove dormire nel Serengeti, la principale distinzione da fare è la quella tra campi mobili e lodge permanenti. I campi mobili seguono la migrazione durante tutto l’anno e hanno due o tre luoghi ideali dove trasferirsi: sono tutti tendati e offrono un’esperienza di safari più autentica e “reale”. Il lusso non è però compromesso e non c’è niente di meglio che aprire la parte anteriore della tua tenda al mattino e camminare direttamente nelle pianure del Serengeti.

I campi permanenti invece non si muovono (un po’ di ovvietà non fa mai male!). Si trovano in posizioni fisse durante tutto l’anno, il che significa che potrebbero non essere l’ideale se si desidera assistere alla migrazione. C’è da dire che in ogni caso la concentrazione della fauna in tutte le zone del Serengeti è così alta che, anche se non sarai nel periodo della migrazione, potrai comunque vedere molti predatori e altri animali.

Non esitare a lasciarmi un commento se vuoi più dettagli su dove andare e in quale periodo!

I prezzi dei lodge e dei campi nel Serengeti variano notevolmente, da quelli più economici a quelli più lussuosi e costosi. Qualunque sia il tuo budget, qui di seguito ti propongo tre opzioni per tutte le zone del Serengeti.

Ndutu (Serengeti meridionale)

La regione di Ndutu ospita la stagione del parto della migrazione degli gnu e offre una fantastica opportunità per vedere l’intera mandria in un unico posto prima che parta.

I lodge e i campi nella regione di Ndutu possono trovarsi nel Parco Nazionale del Serengeti o nell’area protetta di Ngorongoro, quindi è importante sapere dove si svolgeranno i tuoi safari. Entrare in entrambi i parchi significa pagare due tasse d’entrata che, come vedrai più sotto, non è certamente a buon mercato!

In questa regione del Serengeti, lodge e campi sono generalmente aperti solo da novembre a marzo.

Budget: il turismo è stagionale a Ndutu e in questa parte del Serengeti, camping non è permesso
Fascia media: Ndutu Safari Lodge
Fascia alta: Sanctuary Kusini

Corridoio occidentale

La stagione delle piogge potrà anche essere bassa stagione nel resto della Tanzania, ma è l’alta stagione nel corridoio occidentale del Serengeti. Mentre la migrazione degli gnu si sposta verso il fiume Grumeti, così fanno anche i turisti che cercano di vedere le mandrie che attraversano il corso d’acqua.

Budget: a causa della natura stagionale della regione e del fatto che è più popolare durante la stagione delle piogge, non è possibile campeggiare nella regione di Grumeti
Fascia media: Mbugani Migration Camp
Fascia alta: Meliá Serengeti Lodge

tanzania parco serengeti

Serengeti centrale

Quando le persone dicono “Serengeti”, spesso immaginano il cuore pulsante della vasta savana. La regione di Seronera è spesso nota come il paese dei grandi felini a causa del maggior numero di leopardi, leoni e ghepardi nella regione.

La sua posizione centrale lo rende una sorta di crocevia per coloro che si dirigono a ovest, sud o nord, quindi è raro che il tuo viaggio non includa un lodge o un campo tendato del Serengeti centrale.

Budget: ThornTree Camp
Fascia media: Kati Kati Tented Camp
Fascia alta: Four Seasons Safari Lodge Serengeti

Serengeti settentrionale

Da fine giugno a settembre-ottobre, il Serengeti settentrionale è the place to be nel Serengeti.

Quando la migrazione degli gnu raggiunge il fiume Mara, aumentano le possibilità di vedere il drammatico attraversamento del fiume e forse anche l’attacco altrettanto drammatico dei coccodrilli agli gnu indifesi.

I lodge e i campi della regione Lobo e Mara del parco sono tutti posizionati in modo da metterti il più vicino possibile all’azione.

Budget: Lobo Public Campsite
Fascia media: Kenzan Mara Tented Camp
Fascia alta: Mara River Tented Camp

Il Serengeti in mongolfiera

Un bellissimo modo di osservare le pianure del Serengeti è quello di fare un volo in mongolfiera il mattino presto.

Il pilota ti porterà prima di tutto in alto per osservare le immense distese di savana del parco, per poi scendere di quota e avvicinarsi agli animali. Visti dall’alto e in silenzio vivrai un’esperienza indimenticabile.

Una volta terminato il viaggio, ti aspetta una colazione nella savana, a poca distanza dagli animali che hai appena osservato.

Scopri tutti i dettagli di un volo in mongolfiera sopra il Serengeti

balloon safari serengeti

Safari Serengeti: prezzo

Quanto costa un safari nel Serengeti?

La risposta è ovviamente e banalmente “dipende”. Dipende infatti dal livello di comfort che vuoi.

In generale sappi che nel Serengeti, prezzi ultra economici sono difficili da trovare. Non puoi fare campeggio ovunque e inoltre dovrai noleggiare una macchina, che costa sui 200$ al giorno. Più un bel pieno di benzina perché i Land Cruiser consumano parecchio.

Un lodge di bassa fascia arriva sui 100$ giornalieri, quindi è facile salire di prezzo velocemente.

Inoltre non dimenticare le tasse di ingresso nel parco: nel Serengeti si parla di 71$ per persona per le 24 ore (quindi fai attenzione all’orario di entrata e di uscita).

Insomma, non è semplice organizzare da solo un safari nel Serengeti, né ti farà risparmiare molto, dal momento che la maggior parte sono costi fissi. Ti consiglio di farti due conti e chiedere un preventivo gratuito a Follow Alice, così che potrai capire la spesa necessaria per visitare il parco di Serengeti.

parco nazionale serengeti tanzania

Aggiungi altri parchi al tuo itinerario

Ci sono vari parchi che sono spesso combinati nei viaggi in Tanzania: Serengeti, Ngorongoro, Tarangire e Lake Manyara.

Il mio consiglio è come minimo di aggiungere alle tue vacanze: Serengeti e Ngorongoro. Se hai tempo, in ordine i miei preferiti sono Tarangire e Lake Manyara.

La maggior parte dei safari in Tanzania combina almeno tre di questi parchi, con viaggi di quattro o cinque giorni minimo. Sarebbe un peccato di vedere, durante il tuo viaggio, Serengeti ma non, per esempio, Ngorongoro, una vera meraviglia della natura.

Fidati dell’esperienza di tutti gli altri viaggiatori e prenditi qualche giorno per visitare i grandi parchi del nord della Tanzania (il cosiddetto Circuito del nord o Northern Circuit), non ne rimarrai deluso!

parco del serengeti turismo

Serengeti: consigli finali

Qui voglio aggiungere qualche consiglio di viaggio utile per organizzare la tua vacanza nel Serengeti.

Cosa mettere in valigia

La savana è polverosa, inoltre la sera la temperatura scende parecchio. Tutto ciò ti costringe a pianificare bene cosa portare nel tuo piccolo bagaglio.

Fortunatamente per te ho scritto una guida su cosa devi portare durante un safari.

Mi raccomando, scegli una valigia morbida, sarà più semplice da infilare in macchina. L’ideale è un duffel bag come quello che ti consiglio in questo articolo.

Visto

Il visto turistico per la Tanzania va ora richiesto online.

Soldi

Se fai un safari con un tour operator, molto probabilmente avrai quasi tutto incluso, tranne pochi extra come le bevande alcoliche. Ti consiglio di portare con te una cinquantina di dollari per giorno di safari, giusto per essere sicuro di avere fondi sufficienti.

Fai attenzione che i dollari che porti in Tanzania siano stati stampati dopo il 2006, altrimenti non te li accetteranno.

Qualche lodge prende anche le carte di credito.

È sicuro fare un safari nel Serengeti?

Sei perfettamente al sicuro durante il safari, ma ci sono alcune regole di buon senso che dovresti seguire per assicurarti di avere la migliore esperienza possibile.

Non dare da mangiare agli animali. Nutrire gli animali non solo può introdurli a cibi malsani, ma può anche portare gli animali ad avvicinarsi ai veicoli turistici come fonte di cibo. Tutti gli avanzi di cibo devono essere conservati in macchina.

Tieni le braccia e la testa dentro l’auto. Anche se va benissimo avere i finestrini aperti per scattare foto e stare in piedi per guardare fuori dal tetto apribile, non lasciare mai le braccia sporgenti dall’auto.

Non camminare mai senza essere accompagnato. Raramente lascerai il tuo veicolo durante il tuo safari, ma se hai bisogno di usare il “bagno grande”, segui le istruzioni della tua guida e non allontanarti. Quando cammini per il tuo campo o lodge di notte, assicurati di rimanere entro i confini che ti hanno spiegato durante il briefing e non camminare da solo dopo il tramonto.

Se viaggi con bambini, è particolarmente importante stare sempre con tuo figlio. Molti predatori più grandi possono confondere i bambini con piccoli primati che considerano animali da preda. Non lasciare mai che un bambino vaghi incustodito in un parco nazionale.

Non gridare. Gli animali hanno un udito più acuto delle persone. Gridare o parlare ad alta voce agli animali li agiterà e li allontanerà. È anche irrispettoso per gli altri turisti nella zona.

I droni sono vietati nei parchi della Tanzania. Non ti sarà permesso di lanciare un drone mentre sei sul Serengeti. Se lo fai, ti verrà confiscato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su